Barrani: “A Vernazza coerenza e non manovre politiche”

24 giugno 2011 - Scritto da  
Archiviato in Dalla Provincia, Primo piano

 

A Vernazza il bilancio comunale è stato approvato con l’astensione dei quattro consiglieri di minoranza per evitare un commissariamento cercato e voluto dal gruppo dei tre fuoriusciti dalla maggioranza capeggiati da Diego De Nevi di Sel, che hanno votato contro senza dare una minima spiegazione all’assemblea consiliare. Un atteggiamento non capito e motivato da nessuno, iniziato qualche settimana con un messaggio di avviso al sindaco Resasco”.

Antonio Barrani, capogruppo a Vernazza della lista di minoranza “Il nostro sogno possibile” – Rifondazione Comunista risponde al coordinatore provinciale di Sel:

Caro Azzolini, esiste una nostra seria e sentita volontà di risolvere subito due questioni: la sentieristica e la raccolta differenziata. Su entrambe abbiamo fatto le nostre proposte, percepite dall’amministrazione, che porteremo avanti anche concretamente. Occorrono interventi mirati per i sentieri posizionando reti di sicurezza sui versanti per evitare frane e smottamenti mentre per il  Corniglia-Manarola bisogna prendere in esame l’utilizzo della galleria dismessa nel tratto della frana di Volastra. E’ questo il nostro modo di far politica, senza dover prendere ordini da alcun datore di lavoro, e così continueremo ad andare avanti, anche perché applauditi dal nostro elettorato e dalla popolazione“.

Antonio Barrani
capogruppo di Rifondazione Comunista in consiglio comunale di Vernazza

Commenti

Facci sapere che cosa stai pensando, lascia un tuo commento...
e oh, se si desidera una foto per mostrare con il proprio commento, vai ottenere un gravatar!