L’industria delle catastrofi

9 novembre 2011 - Scritto da  
Archiviato in Ambiente, Primo piano

 

di William Domenichini, tratto da DemocraziaKm0.org

Negli ultimi tre anni il territorio della provincia della Spezia ha risposto alla pioggia con un bollettino di guerra di frane ed alluvioni. Il 25 ottobre 2011 il quadro diventa tragico: il 43% delle strade interrotte, decine di paese isolati da giorni, borghi fantasma, ponti crollati, 10 morti, 3 dispersi.

Diagnosi. Il clima è cambiato. Si continua a rubare spazio agli alvei dei fiumi, nessuno gestisce i corsi che convogliano a valle migliaia di metri cubi d’acqua in brevi tempi di corrivazione. L’abbandono della coltivazioni collinari indebolisce i terreni, i frequenti incendi estivi distruggono una vegetazione senza monitoraggio ne cura, diminuendo la tenuta dei pendii, ostacolando il deflusso idrico.

La cementificazione, condonata o no, impermeabilizza il suolo. Le cassandre dell’autorità di Bacino del Magra avevano previsto tutto, tracciando la mappa dell’esondabilità del fiume con il Piano approvato nel 2003, ma i vincoli non li vuole nessuno, quindi meglio ignorarli e dire a gran voce che quella pianificazione è sbagliata o che gli eventi con tempi di ritorno di due secoli non si verificheranno. Ed invece…

LEGGI TUTTO…

Commenti

Facci sapere che cosa stai pensando, lascia un tuo commento...
e oh, se si desidera una foto per mostrare con il proprio commento, vai ottenere un gravatar!