“L’outlet di Brugnato è solo speculazione, nessun sviluppo per il territorio”

14 novembre 2012 - Scritto da  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Partito, Primo piano

 

Ci risulta del tutto fuoriluogo ogni forma di entusiasmo per l’attesa del parere dell’Autorità di Bacino in merito alla messa in sicurezza dell’area dell’outlet di Brugnato. Stiamo parlando di un parere di parte che l’Autorità di Bacino avrà la responsabilità di valutare e che getta non pochi dubbi sul destino del nostro territorio e sulla gestione economica dei costi di messa in sicurezza. Come sia possibile che un territorio che verrà dichiarato sicuro sia assoggettato a continui sfollamenti in seguito agli allerta della Protezione civile? Esistono evidentemente due forme di messa in sicurezza, quella per gli affari privati, per cui si chiede la rattifica degli organi di questa Repubblica, e quelli per i cittadini, che consistono nel far sloggiare la gente dalle proprie case.
Perchè la San Mauro ha iniziato i lavori senza la dovuta comunicazione? Le modificazione alla viabilità sono state considerate? Il casello di Brugnato verrà ampliato o dobbiamo credere al cavallo di troia del casello di Beverino? Se vengono previsti certi interventi viabilistici non v’è traccia di modifiche alla pianificazione territoriale. Poi c’è la spada di Damocle del ricorso al TAR: fino a marzo 2013 non ci saranno udienze ed è plausibile una richiedere di sospensione dei lavori. Se questo è vero perchè iniziano?
Tuttavia sbaglieremmo a derubricare la vicenda dell’outlet solo ad una mera questione tecnico-burocratica. Si tratta di una scelta politica scellerata, in primo luogo sotto il profilo dello sviluppo della Val di Vara. In primo luogo sulla menzogne dei posti di lavoro e sviluppo. Amministrazioni e sindacati dovranno fornire cifre e derivazioni economiche precise, non previsioni o tiri di dadi: quanti saranno gli occupati nella gestione dell’outlet? Quanti saranno le maestranze occupate per l’eventuale costruzione? Già le promesse di lavoro delle ditte locali sono state ampiamente tradite, visto che le ditte appaltanti non sono per nulla spezzine.
Rifondazione non solo denuncia la follia di questo progetto e la confusione e la nebulosità, favorita da un’informazione sempre compiacente dei decisori, di cui è circondato ma chiamerà presto a un confronto pubblico quei soggetti che hanno ritenuto di basare lo sviluppo della Val di Vara su una speculazione invece di programmare uno sviluppo compatibile.

Rifondazione Comunista, federazione provinciale La Spezia

Andrea Licari, coordinatore circolo cultura, ambiente e territorio Val di Vara

Commenti

1 Commento su "“L’outlet di Brugnato è solo speculazione, nessun sviluppo per il territorio”"

  1. Elena
    Scritto lunedì 19 novembre 2012 alle 01:21 

    avatar

    Cittadini di Brugnato:
    Sono Moscatelli Maurizio cittadino brugnatese da 46 anni, ed’ora mi sto ponendo delle domande.
    Con questo mi riferisco alla data 30/10/2012 su cui è stato pubblicato sul Secolo XIX in quanto il nostro Sindaco dichiara di aver consegnato tutta la documentazione, riguardante il piano di sicurezza Idrogeologica re data dai suoi ingegneri All’Autorità di Bacino.
    Io mi sto chiedendo se veramente siamo in sicurezza!!!!Visto che ogni allerta 1° telefona a casa di tutti, se è allerta 2° chi abita al piano terra deve evacuare.
    Sono anche curioso di sapere le dichiarazioni dell’ingegnere Pini, visto che è il responsabile della progettazione riguardante gli argini sul torrente Gravegnola.

    Il 24/09/2012 durante un consiglio straordinario l’ingegnere Pini ha dichiarato:
    Capisco bene che il comune al momento soldi non ne ha….ma farebbe meglio a trovarli al più presto, perché in località La Storta (a monte del paese) non siete assolutamente in sicurezza.

    Altra cosa riguardo al muro in cemento armato che è stato costruito, non è stato proprio sicuro nel dire che è a norma di legge, visto che dovevano effettuare delle massicciate di protezione contro il muro, cosa che a tutt’oggi non sono state effettuate.

    Io spero e confido Sull’Ente di Bacino e lo invito a fare un sopralluogo, di non fidarsi assolutamente della carta che gli è stata inviata.
    Tengo a precisare con questo invito, perché al nostro Sindaco importa soltanto L’Outlet, visto che deve versare parecchi euro come oneri, ma non importa molto la popolazione.

    Spero che tutto si svolga nel migliore dei modi, altrimenti bisognerà ritenersi responsabile in caso di eventi strani.

    Moscatelli Maurizio

Facci sapere che cosa stai pensando, lascia un tuo commento...
e oh, se si desidera una foto per mostrare con il proprio commento, vai ottenere un gravatar!