Betta ed il parcheggio di Monterosso: l’avevamo detto…

17 febbraio 2012, by  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Primo piano

 

A Monterosso tanto tuonò che piovve? Tuttavia pare che la pioggia del 25 ottobre non sia bastata. Ora che la Procura ha posto il sequestro del parcheggio che è stato oggetto di critiche di Rifondazione Comunista, ma soprattutto di tanti cittadini monterossini mai ascoltati dal sindaco pdellino, forse si aprirà uno spiraglio per impedire l’ennesimo scempio in un territorio straordinario come le 5 Terre?

Sta di fatto che la scelleratezza di quell’opera era già insita nella sua natura: 9 milioni in project financing, ovvero il comune ci mette lo spazio e il privato ci mette i soldi rifacendosi sulle tariffe (ovvero sui cittadini), sa sempre di speculazione mascherata da esigenza. Un caso che tra i grandi sponsor di questo strumento c’è il senatore Grillo, personaggio molto legato a Monterosso?

Ma il sindaco Betta, sereno e senza l’ombra di un’opposizione in consiglio comunale, si era prodigato ad escludere blitz negli uffici comunali, salvo poi scoprire il blitz della magistratura laddove aveva deciso scientemente di non fermare un cantiere oggi sequestrato, piuttosto che concentrarsi sul ripristino della vita normale nel paese.

Rifondazione Comunista, federazione provinciale La Spezia

Monterosso: le priorità post alluvionali sono i parcheggi?

3 febbraio 2012, by  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Primo piano

 

Forse l’alluvione ha spazzato via anche il buon senso, tant’è che apprendiamo con sincero sgomento che le priorità di un paese in cui la popolazione non è ancora nelle proprie case sono i parcheggi!

Se il sindaco di Monterosso intende prioritaria, in una fase post-alluvionale, tale realizzazione, Rifondazione Comunista si chiede come sia possibile che non vi sia centralità su questioni assai più importanti come la messa in sicurezza delle abitazioni e l’approvvigionamento dei servizi.

Visto che a Monterosso non esiste fisicamente, bontà del sindaco Betta, un’opposizione in grado di interpellarlo, chiediamo pubblicamente come mai vi sia così urgenza di rassicurare la conclusione di un’opera che ha sventrato mezzo monte sopra il paese.

L’irresponsabilità di questa amministrazione monocolore Pdl si conclude con l’utilizzo della truffa legalizzata del Project Financing per l’altro parcheggio, di grandissima priorità anch’esso. Un’opera evidentemente inutile che il sindaco farà pagare non con le finanze pubbliche ma con le tariffe di chi lo utilizzerà. Un grande senso di pianificazione del futuro dei monterossini oppure un profondo convincimento del senatore Grillo che ha proposto il project financing come strumento per la ricostruzione, svendendo il proprio territorio per riparare ai danni di una gestione territoriale dissennata, anche grazie al contributo dell’attuale sindaco?

 

Rifondazione Comunista, federazione provinciale La Spezia

Il sindaco di Monterosso non ha imparato nulla: si fermino i lavori del parcheggio!

16 dicembre 2011, by  
Archiviato in Dalla Provincia, Primo piano

 

Nonostante la drammatica situazione di Monterosso, nonostante le carte di pianificazione abbiano, anche in questo caso, confermato pienamente le previsioni di esondabilità, il lungimirante sindaco berlusconiano Angelo Betta non si ferma e va avanti. Non si parla di lavori di recupero della vivibilità del paese, ma nientemeno del mega parcheggio in cemento all’inizio del vecchio borgo.

Nonostante la regione Liguria abbia deliberato il regime di salvaguardia, il sindaco di Monterosso gioca sul fatto che il parcheggione è proprio sul confine che delimita l’area in salvaguardia. Un esempio di vera lungimiranza in linea con la miopia dimostrata dal suo concittadino e collega di partito, Luigi Grillo quando dichiarò ad alluvione ancora in corso, la necessità di svendere il territorio ai privati per la ricostruzione. Perchè questa urgenza di ritornare subito alla cementificazione, nonostante a Monterosso ce ne siano ben altre?

Una miopia che travalica evidentemente i territori ma si mantiene nell’alveo politico del centrodestra. Monterosso chiama Brugnato? Da Pdl a Lega Nord: anche li si preferisce non vedere ciò che è accaduto, nel nome del fare. Ma quale fare? Quello degli affari, quello della speculazione che socializza le perdite e privatizza i ricavi.

Questa alluvione dovrebbe aver insegnato che o si ha la saggezza di mettere in piedi un modello economico diverso da quello che abbiamo vissuto per decenni, oppure non ci sarà più speranza, se non per i capitali che verranno a sfruttare lavoratori e risorse della nostra terra. Per Rifondazione Comunista uno scenario inaccettabile.

Rifondazione Comunista, federazione provinciale La Spezia