Agenda elettorale di Massimo Lombardi (Rete a Sinistra): domani mercato di via Prosperi e Giro d’Italia a Biassa

11 maggio 2015, by  
Archiviato in Appuntamenti, Campagna elettorale, Primo piano

Dopo l’esordio di ieri a Levanto assieme a Luca Pastorino e i candidati spezzini della Rete a Sinistra, il candidato a consigliere regionale della della Rete a Sinistra Massimo Lombardi sarà presente oggi alle 17.30 presso la sede Pcdi di Via Parma all’apertura della campagna elettorale di Pierluigi “Gipo” Sommovigo, candidato nella lista civica Luca Pastorino. 
 
Nella mattinata di domani, martedì 12 maggio, Lombardi incontrerà i cittadini presso il mercato di via Prosperi mentre, nel pomeriggio, il candidato seguirà il passaggio del Giro d’Italia presso la salita della Biassa assieme a un gruppo di sportivi amanti della bicicletta.
Twitter: @MAXLombardiSP

Ripresa dei lavori alla Cava Fornace di Biassa: immediata interpellanza della consigliera di Rifondazione Simona Cossu

23 marzo 2013, by  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Partito, Primo piano

Nei giorni scorsi sono nuovamente riprese attività lavorative all’interno della Cava Fornace, lungo la strada che da Pegazzano raggiunge il borgo di Biassa. Attività autorizzate con il Decreto Regionale n 665 del 31/03/2009, nonostante il parere contrario, a suo tempo, della I Circoscrizione e del Comune della Spezia. La Concessione prevede e escavazioni per 700.000 mc, fino ad una quota di 236 metri.

Le lavorazioni, iniziate nei primi mesi del 2011, avvengono con l’utilizzo di un mezzo escavatore munito di martello pneumatico, il quale provoca un rumore insostenibile e una grande quantità di polvere, creando condizioni estremamente disagevoli per le abitazioni presenti, alcune delle quali si trovano a pochi metri dal sito estrattivo, nonché un notevole impatto ambientale.

La vivace protesta degli abitanti della zona, le segnalazioni della I Circoscrizione, le interpellanze dei consiglieri di Rifondazione Comunista avevano portato a diversi interventi dei Vigili Urbani, di Arpal, dei funzionari della Regione Liguria, propedeutici ad uno stop dei lavori.

Da luglio 2012 le attività lavorative erano ferme e sembrava che la questione dovesse essere chiusa, anche perchè giungevano echi di novità positive: in particolare la più volte menzionata, anche a mezzo stampa, ipotesi di una trattativa in essere tra il Comune e la società titolare della concessione, e proprietaria del sito, Nuova Nec, volto al raggiungimento di un accordo complessivo che dovrebbe portare, tra l’altro, alla cessione dell’area della “Fornace” all’Amministrazione Comunale, previa messa in sicurezza del sito, dove sarebbe prevista la realizzazione di un’area camper, nonché lo spostamento dell’impianto di frantumazione sito nella prospiciente ex Cava Cubiola Bianca.

Dalla Regione Liguria giungevano notizie circa la prossima dismissione della Cava Fornace, la quale non rientrerebbe nel nuovo Piano Territoriale Regionale delle Attività di Cava (PTRAC) , anche per la pressioni a livello regionale del Partito della Rifondazione Comunista, il quale ha più volte segnalato agli uffici competenti come le valutazioni del Servizio di Tutela del Paessaggio (prot. n. 3361 del 24/08/2007), parte integrante del Decreto Regionale, sono evidentemente ed indiscutibilmente sbagliate, e pertanto la stessa autorizzazione si basa su assiomi non corretti. In tale procedimento si parlava di “impatto percettivo irrilevante”, e di “qualsiasi altro punto di vista occluso”, anche percorrendo in auto la Via Filzi.

Questo nuovo riavvio delle lavorazioni giunge pertanto inaspettato.

Rifondazione Comunista intende segnalare, per l’ennesima volta, le problematiche, oggettive, che il sito estrattivo denominato “Fornace” comporta, chiedendo di valutare la compatibilità delle attività di escavazione con la prossimità di nuclei abitativi.

La consigliera del Partito della Rifondazione Comunista, Simona Cossu ha immediatamente presentato un’interpellanza nel quale chiede, all’Amministrazione Comunale:

1) Se le lavorazioni sono conseguenti alla messa in sicurezza dell’area in vista della cessione al Comune, oppure se rientrano nelle estrazioni previste dalla concessione regionale.

2) Se esiste un progetto di messa in sicurezza e quali siano le relative tempistiche e specifiche.
cosa intende porre in atto l’Amministrazione riguardo i disagi in materia di impatto ambientale e di viabilità

3) Se sono ancora valide le ipotesi circa uno spostamento dell’impianto di triturazione presso la zona Cubiola Bianca e la cessione dell’area Cava Fornace al Comune

4) Se sono ancora validi i progetti circa la realizzazione di infrastrutture per il turismo (area camper)

Rifondazione Comunista La Spezia

Ripresi i lavori alla Cava Fornace di Biassa: la Federazione della Sinistra presenta un’interpellanza urgente

7 luglio 2012, by  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Partito, Primo piano

Nella mattinata di giovedì scorso sono riprese a pieno ritmo le attività estattive nella Cava Fornace, lungo la strada che da Pegazzano raggiunge il borgo di Biassa. Attività autorizzate con il Decreto Regionale n 665 del 31/03/2009, nonostante il parere contrario, a suo tempo, della I Circoscrizione e del  Comune della Spezia. 

Le lavorazioni avvengono con l’utilizzo di un mezzo escavatore munito di martello pneumatico, il quale provoca un rumore insostenibile e una grande quantità di polvere, creando condizioni estremamente disagevoli per le abitazioni presenti, alcune delle quali si trovano a pochi metri dal sito estrattivo. 

Nei mesi scorsi, a seguito delle segnalazioni dei cittadini e della I Circoscrizione, il Comune della Spezia ordinava una serie di sopralluoghida parte sia di Polizia Municipale che di Arpal.Ulteriori sopralluoghi di  funzionari della Regione Liguria sono stati propedeutici ad uno stop dei lavori, nel frattempo la società titolare della concessione – Nuova Nec – ha provveduto ad alcune migliorie concernenti la sicurezza, in particolare potenziando le recinzioni.

Sembrava poi in essere una trattativa tra il Comune della Spezia e la società operante nel sito estrattivo, volta a uno spostamento dell’impianto di frantumazione detriti operante nella contigua Cava Cubiola, all’interno della quale la Cava Fornace doveva essere ceduta al Comune per realizzare una zona dedicata alla logistica del turismo (area camper).

Rifondazione Comunista/Fds intende segnalare, per l’ennesima volta, le problematiche, oggettive, che il sito estrattivo denominato “Fornace” comporta, chiedendo di valutare la compatibilità delle attività di escavazione con la prossimità di nuclei abitativi, tenendo conto che le valutazioni del Servizio di Tutela del Paessaggio (prot. n. 3361 del 24/08/2007) sono evidentemente, ed indiscutibilmente, sbagliate, e pertanto la stessa autorizzazione si basa su assiomi non corretti. In tale procedimento, come più volte segnalato, si parlava di “impatto percettivo irrilevante”, e di “qualsiasi altro punto di vista  occluso”, anche percorrendo in auto la Via Filzi.

La capogruppo Fds Simona Cossu ha immediatamente presentato un’interpellanzanel quale chiede, all’Amministrazione Comunale,  notizie precise e certe su:– finalità dei lavori
– certezza circa i tempi e le modalità delle lavorazioni
– notizie circa l’iter dell’accordo tra Comune della Spezia e società “Nuova Nec”.

Di seguito il testo dell’interpellanza:

Interrogazione al Sindaco                                                            La Spezia 

Gruppo FEDERAZIONE DELLA SINISTRA

 

Premesso che:

 

dall’inizio 2011 è in essere un’attività di escavazione nella cava di calcare denominata “Fornace”,

alla Spezia, tra gli abitati del quartiere cittadino di Pegazzano ed il borgo di Biassa, nonostante il

parere contrario, a suo tempo, di Circoscrizione e Comune della Spezia.

 

L’attività estrattiva è stata autorizzata con il Decreto Regionale n 665 del 31/03/2009.

 

Nel decreto autorizzativo regionale si fa menzione del parere del Servizio di Tutela del Paessaggio,

prot. n. 3361 del 24/08/2007 in cui si scrive che “l’impatto percettivo dell’ampliamento risulta

irrilevante se non completamente assente”, specificando come dall’abitato della Spezia l’unico

punto di visuale è il Molo Italia a “condizione che ci si sporga molto all’esterno verso il mare”,

mentre percorrendo la Via Filzi la visuale della cava “si ottiene solo a piedi e volgendo lo sguardo

verso nord”.

 

Si afferma che “qualsiasi altro punto di vista è occluso”, “in particolare percorrendo in automobile il tratto di strada ricordato”.

 

Il tratto di strada che si vede appartiene per l’appunto alla Via Filzi, la strada che collega il borgo di Biassa alla città, oltre ad essere uno degli accessi alle Cinque Terre.

 

Da qualche giorno sono riprese a pieno ritmo le attività estrattive nella Cava Fornace.

 

Le lavorazioni avvengono con l’utilizzo di un mezzo escavatore munito di martello pneumatico, il quale provoca un rumore insostenibile e  una grande quantità di polvere, creando condizioni estremamente disagevoli per le abitazioni presenti, alcune delle quali si trovano a pochi metri dal sito estrattivo.

 

 

Considerato che:

 

la Regione ha fatto un sopralluogo a marzo 2012, a seguito del quale le lavorazioni sono state sospese, in quanto mancavano alcune requisiti di sicurezza all’interno del cantiere.
Nel frattempo, la ditta ha provveduto a migliorare la dotazione di reti di protezione. Sino ad oggi, quando sono rincominciati i lavori.
La questione dell’accordo tra comune e Nuova Nec per spostare l’impianto di frantumazione e contestualmente dare l’area della Fornace al Comune, previa messa in sicurezza dell’area, è ancora in discussione

 

Si richiede:

A che punto sia lo stato dell’accordo tra Comune e Nuova Nec, la cui trattativa è in corso da un anno e mezzo.

 

Se esiste un progetto di  messa in sicurezza e quali siano le relative tempestiche.
Se le lavorazioni sono conseguenti alla messa in sicurezza dell’area in vista della cessione al comune, oppure se rientrano nelle estrazioni previste dalla concessione regionale.

 

La capogruppo

Simona Cossu

Rifondazione Comunista/Fds La Spezia

Edmondo Bucchioni: “I lavori alla cava di Biassa creano seri pericoli ai residenti”

22 aprile 2011, by  
Archiviato in Dalla Provincia, Primo piano

Lo scorso 18 aprile in consiglio comunale alla Spezia l’assessore Savoncelli ha risposto all’interpellanza presentata dal consigliere di Rifondazione Comunista/Federazione della Sinistra Edmondo Bucchioni, inerente la cava di Biassa.

Nella sua risposta l’assessore sottolineava la ripresa dell’attività estrattiva solo per mettere la cava in sicurezza.

Nella replica il consigliere Bucchioni evidenziava una serie di problematicità: in tale sito non vi è alcuna barriera per cui frammenti di roccia vanno ad interessare la strada stessa che porta a Biassa. In tale contesto un cittadino del posto che aveva l’autovettura parcheggiata nella zona antistante l’abitazione, in propietà privata, subiva un danno a causa di frammenti che colpivano il fanalino posteriore dell’autovettura mandandolo in frantumi.

Le attività di cava producono un notevole impatto ambientale a maggior ragione in tale contesto nei pressi del quartiere di Pegazzano.

Si fa presente che nella zona antistante la cava di Biassa abitano all’incirca trenta persone che denunciano la forte rumorosità, le polveri, il traffico di mezzi pesanti ed il dissesto che alle strade.

Non sono un geologo” -afferma Bucchioni– “ma vi era e vi è veramente la necessità di mettere in sicurezza la cava di Biassa? Non vorrei che fosse solo per attività speculative inerenti motivi economici della ditta che ha in appalto tale opera“.