“Scelta Civica dimostra ignoranza: noi sosteniamo da anni Rifiuti Zero”

19 settembre 2013, by  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Partito, Primo piano

Hanno pienamente ragione gli esponenti di Scelta Civica: basta con le ideologie quando si parla di rifiuti.
Allora potrebbero iniziare a evitare di usare le loro ideologie monotematiche, rilanciando pratiche e scelte scellerateper intere comunità, dannose alla salute e per di più economicamente svantaggiose.
Le argomentazioni di Scelta Civica sono al limite del risibile e denotano la totale ignoranza sul tema.
  1. Sono contrari a Mangina, ma non dicono dove andrebbero stoccate decine di migliaia di tonnellate di ceneri tossiche (il 30% dell’incenerito),
  2. Parlano di Tares quando è stato Mario Monti a creare questa tassa iniqua e scorretta dal punto di vista della gestione (cancellando la Tia) per far fare cassa allo Stato sulle spalle dei cittadini e dei comuni;
  3. Parlano di “termovalorizzazione” ignorando che non esiste alcun dispositivo di legge, nè italiano nè comunitario, che usa tale termine trattandosi di INCENERIMENTO, senza contare che l’uso di tale pratica è stato caldamente bocciato dall’UE, della serie che le direttive europee valgono per lor signori solo quando c’è da affamare la gente, non quando c’è da tutelare la loro salute;
  4. Parlano di esperienze mondiali quando in tutto il mondo civile gli inceneritori vengono chiusi perchè si fa la raccolta differenziata e non ci sono rifiuti da bruciare;
  5. Citano il sindaco Renzi ignorando che il futuro segretario del Pd insultò una dei più preparati esperti, l’oncologa Patrizia Gentilini (http://www.youtube.com/watch?v=UP_34siiFGg) dimostrando la sua protervia ed ignoranza;
  6. Parlano di raccolta differenziata quando è evidente anche ad un bambino che se si deve alimentare un inceneritore si ha bisogno di rifiuti, quindi non si investe nel riciclo;
  7. Parlano di sostenibilità quando evidentemente ritengono che i polmoni degli spezzini siano ottimi filtri per diossine, furani ed altre sostanze cancerogene emesse da impianti che in Italia sono ogni giorno sulle cronache giudiziari per i loro sequestri (si ricordi la vicenda dell’inceneritore versiliese costruito da Termomeccanica);
  8. Parlano di economia ignorando (o eludendo) che gli inceneritori sono sostenibili solo grazie alla truffa del CIP6 che paghiamo nelle bollette elettriche.
E’ un peccato che gli esponenti di Scelta Civica non siano venuti ad assistere alle nostre iniziative con il prof. Connett, creatore della strategia Rifiuti Zero, con Rossano Ercolini, neo premio “Nobel” per l’ambiente (Goldman Environmental Prize 2013). Allora suggeriamo di andare a vedere sabato il film “Trash” a Sarzana, ascoltando attentamente l’esperienza di un compagno straordinario come Alessio Ciacci (Personaggio Ambiente 2012) e dell’esperienza di un comune di 45.000 abitanti, Capannori ,che ha bandito gli inceneritori e costruito un’economia del rifiuto. Ma occorre che Scelta civica si spogli delle sue trovate ideologiche e demagogiche.
Rifondazione Comunista La Spezia