Ora i risultati di una Sinistra che sa quel che vuole: Rifiuti Zero

13 aprile 2010, by  
Archiviato in Ambiente, Primo piano

Finalmente si cambia rotta sui rifiuti, e lo si fa a partire dal comune capoluogo. La notizia del nuovo protocollo siglato con Acam, comune della Spezia e Conai è certamente un ulteriore conferma che il lavoro politico che Rifondazione sta facendo da due anni a questa parte sul tema rifiuti è stato ben speso.
Siamo partiti denunciando la nostra contrarietà all’incenerimento del CDR in ENEL, abbiamo continuato portando avanti l’ipotesi di adottare la strategia Rifiuti Zero e continueremo a sostenere scelte politiche che vanno in quella direzione.

Nel complimentarci con l’ass. Ruocco per il chiaro segnale in favore delle nostre proposte, siamo consci del fatto che la strada è appena iniziata. Tuttavia le premesse e la modalità con cui il nuovo management di ACAM ha improntato le future scelte in tema di rifiuti non posso che far ben sperare. Certo è che Rifondazione comunista sul tema dei rifiuti non mollerà fino a quando la progettualità che è stata elaborata dal nostro partito non prenderà piede, scongiurando definitivamente scelte drammaticamente nocive per la popolazione. In questo senso è opportuno sottolineare alcuni elementi fondamentali sui quali richiamare la giunta Federici.

Impariamo dalle realtà virtuose (Capannori, Novara, Salerno, ecc.) dove la partecipazione dei cittadini è il cardine essenziale per la buona riuscita di progetti seri e concentriamo l’azione politica nella sensibilizzazione della cittadinanza da un lato e nella costanza e nella coerenza dell’azione amministrativa dall’altro.
Rifondazione comunista non si sottrarrà al proprio impegno e nel felicitarsi della svolta positiva della giunta Federici sottolinea che da tempo giace in consiglio comunale la mozione di adesione alla strategia Rifiuti Zero presentata dal nostro gruppo consiliare. Portiamo in discussione e approviamola, facendo un altro passo in avanti in questo processo di civiltà.