“Scelta Civica dimostra ignoranza: noi sosteniamo da anni Rifiuti Zero”

19 settembre 2013, by  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Partito, Primo piano

Hanno pienamente ragione gli esponenti di Scelta Civica: basta con le ideologie quando si parla di rifiuti.
Allora potrebbero iniziare a evitare di usare le loro ideologie monotematiche, rilanciando pratiche e scelte scellerateper intere comunità, dannose alla salute e per di più economicamente svantaggiose.
Le argomentazioni di Scelta Civica sono al limite del risibile e denotano la totale ignoranza sul tema.
  1. Sono contrari a Mangina, ma non dicono dove andrebbero stoccate decine di migliaia di tonnellate di ceneri tossiche (il 30% dell’incenerito),
  2. Parlano di Tares quando è stato Mario Monti a creare questa tassa iniqua e scorretta dal punto di vista della gestione (cancellando la Tia) per far fare cassa allo Stato sulle spalle dei cittadini e dei comuni;
  3. Parlano di “termovalorizzazione” ignorando che non esiste alcun dispositivo di legge, nè italiano nè comunitario, che usa tale termine trattandosi di INCENERIMENTO, senza contare che l’uso di tale pratica è stato caldamente bocciato dall’UE, della serie che le direttive europee valgono per lor signori solo quando c’è da affamare la gente, non quando c’è da tutelare la loro salute;
  4. Parlano di esperienze mondiali quando in tutto il mondo civile gli inceneritori vengono chiusi perchè si fa la raccolta differenziata e non ci sono rifiuti da bruciare;
  5. Citano il sindaco Renzi ignorando che il futuro segretario del Pd insultò una dei più preparati esperti, l’oncologa Patrizia Gentilini (http://www.youtube.com/watch?v=UP_34siiFGg) dimostrando la sua protervia ed ignoranza;
  6. Parlano di raccolta differenziata quando è evidente anche ad un bambino che se si deve alimentare un inceneritore si ha bisogno di rifiuti, quindi non si investe nel riciclo;
  7. Parlano di sostenibilità quando evidentemente ritengono che i polmoni degli spezzini siano ottimi filtri per diossine, furani ed altre sostanze cancerogene emesse da impianti che in Italia sono ogni giorno sulle cronache giudiziari per i loro sequestri (si ricordi la vicenda dell’inceneritore versiliese costruito da Termomeccanica);
  8. Parlano di economia ignorando (o eludendo) che gli inceneritori sono sostenibili solo grazie alla truffa del CIP6 che paghiamo nelle bollette elettriche.
E’ un peccato che gli esponenti di Scelta Civica non siano venuti ad assistere alle nostre iniziative con il prof. Connett, creatore della strategia Rifiuti Zero, con Rossano Ercolini, neo premio “Nobel” per l’ambiente (Goldman Environmental Prize 2013). Allora suggeriamo di andare a vedere sabato il film “Trash” a Sarzana, ascoltando attentamente l’esperienza di un compagno straordinario come Alessio Ciacci (Personaggio Ambiente 2012) e dell’esperienza di un comune di 45.000 abitanti, Capannori ,che ha bandito gli inceneritori e costruito un’economia del rifiuto. Ma occorre che Scelta civica si spogli delle sue trovate ideologiche e demagogiche.
Rifondazione Comunista La Spezia

“Sel chi vuol prendere in giro? La Spezia ha già aderito a Rifiuti Zero, grazie a Rifondazione”

4 maggio 2013, by  
Archiviato in Ambiente, Dalla Provincia, Partito, Primo piano

Sel alla Spezia presenta una mozione per aderire alla Strategia Rifiuti Zero? Una notizia apparentemente positiva ma che la dice lunga sulla tendenza a strumentalizzare le buone battaglie politiche dalla presunta sinistra spezzina e sulla loro conoscenza da parte dei vendoliani spezzini.
I dirigenti ed i consiglieri comunali di Sel dovrebbe sapere che il comune della Spezia ha già aderito alla Strategia Rifiuti Zero, ed è addirittura tra i fondatori della comunità verso Rifiuti Zero.
Se davvero ci fosse interesse a questa battaglia, dopo aver presentato una mozione del tutto inutile, perchè non si presenta un’interrogazione sullo stato dell’arte della mozione Rifiuti Zero presentata nelll’ottobre 2010 da Rifondazione Comunista e già approvata, visto lo stato delle cose nei cassonetti della città e di tutta la provincia e del ruolo di questa maggioranza in tema di gestione dei rifiuti e perchè l’osservatorio Rifiuti Zero è ancora lettera morta da parte dell’amministrazione.
Sel crede a queste battaglie o fa solo propagandina? Certo vien da chiedersi dov’era il gruppo dirigente di Sel quando Rifondazione battagliava in solitaria contro l’incenerimento del cdr in Enel? Dov’era quando Rifondazione portò in città (per ben due volte!) Paul Connett, teorico mondiale di Rifiuti Zero?
E dov’erano i consiglieri di Sel quando Rifondazione chiedeva in solitaria che il piano industriale di Acam punti sul riciclo, riuso e recupero di materie seconde?
E dove saranno quando dovranno votare sulla discarica di servizio di Mangina? Sarà ancora parte di questa maggioranza o aprirà gli occhi e seguirà i dettati delle mozioni che presenta?
Per la cronaca, avvertiamo Sel che anche Levanto ha aderito alla strategia (ottobre 2012), onde evitare altri strafalcioni.
Per le carenze di memoria consigliamo questo link http://www.rifondazionelaspezia.it/tag/rifiuti-zero/, per il resto un po’ di speculazione politica in meno. Ne gioverebbero le battaglie serie.
Segreteria prov.le Prc La Spezia

“Anche Levanto verso Rifiuti Zero, altro passo in avanti”

9 ottobre 2012, by  
Archiviato in Primo piano

 

Il comune di Levanto ha aderito ufficialmente alla strategia Rifiuti Zero, grazie anche al lavoro di Rifondazione, presente nella giunta comunale levantese. Un passo importante per un’amministrazione coraggiosa che ha deciso di intraprendere l’unica soluzione possibile, sia economicamente che soprattutto ambientalmente, al problema del riciclo dei rifiuti nella nostra provincia, soluzione già deliberata e intrapresa dal comune capoluogo della Spezia su mozione e istanza degli esponenti del Prc.

Rifondazione Comunista ha ospitato nel nostro territorio innumerevoli volte (e in tempi non sospetti) l’assessore all’ambiente al comune di Capannori Alessio Ciacci, primo attuatore in Italia di Rifiuti Zero e lo scienziato ideatore del piano, il professor Paul Connett, per contrastare la costante pressione di chi intende perseverare nella soluzione folle dell’incenerimento.

Quello di Levanto è un importante risultato alla vigilia dell’assemblea nazionale per la costituzione dell’Associazione Nazionale delle Comunità Verso Rifiuti Zero che si terrà proprio a Capannori il prossimo 13 ottobre, con la presenza di tutti i comuni aderenti, e molte associazioni, tra cui la spezzina AmbientalMente.

Rifondazione Comunista, federazione provinciale La Spezia