E’ vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista

6 aprile 2011, by  
Archiviato in Dall'Italia, Primo piano

La XII disposizione transitoria della Costituzione Italiana vieta la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista e, in deroga all’articolo 48, stabilisce con legge, per non oltre un quinquennio dall’entrata in vigore della Costituzione, limitazioni temporanee al diritto di voto e all’eleggibilità per i capi responsabili del regime fascista. In base a questa disposizione, l’apologia del fascismo costituisce reato in quanto promuove la riorganizzazione del movimento fascista e denigra i valori di base della Costituzione.

Ecco i sei senatori che hanno presentato un disegno di legge per modificare la Costituzione nata dalla Resistenza e permettere la ricostituzione del disciolto partito fascista. Sono da sinistra in alto Cristiano De Eccher, Fabrizio Di Stefano, Francesco Bevilacqua, e poi in basso Giorgio Bornacin, Achille Totaro (lombrosiano), Egidio Digilio.

FERMIAMO QUESTO ENNESIMO SCEMPIO!

W LA RESISTENZA ANTIFASCISTA!