Romeo: “Arcola, posti di lavoro addio. E aumentano le indennità per sindaco e assessori”

17 febbraio 2011, by  
Archiviato in Dalla Provincia

Quello che vediamo all’ingresso del campeggio comunale Mirafiume in località Battifollo di Arcola (cancelli sprangati) è il triste messaggio di benvenuto con il quale il Sindaco accoglie i turisti per la prossima stagione.

Infatti, quella che era sino allo scorso anno un’accogliente struttura ricettiva a disposizione di turisti occasionali e stanziali, ora è ridotta ad una area abbandonata e alla mercé di potenziali vandali: basta recarsi all’ingresso della struttura per rendersi conto dello stato di abbandono e di degrado in cui versa e che ben difficilmente sarà in grado di essere operativa per la prossima stagione turistica (infatti i gestori titolari dell’incarico sono stati gentilmente invitati a starsene a casa).

E’ sconcertante che in un periodo di crisi occupazionale come l’attuale si lascino perdere diversi posti di lavoro che una struttura del genere offre fra gestori, addetti ai servizi generali, alle pulizie, alla manutenzione ecc. Ma la cosa non finisce qui, infatti oltre il danno c’è la beffa perché il Comune riesce in un colpo solo a traguardare ben tre risultati: perdita di posti di lavoro, nessuna entrata economica, e perdita di 15.200 euro quale canone di affitto che deve alla Curia.

Comunque la cosa non sorprende: il Sindaco persegue la politica di chiusura di ogni attività pubblica e si assiste al perdurare della chiusura dell’area denominata “il campetto” ormai da quattro anni che anch’essa può creare altri potenziali posti di lavoro.

Infine la solita domanda: possibile che nessun consigliere di maggioranza si ribelli a questo stato di immobilismo e assista inerme a questo declino?

p.s. Una ciliegina è maturata: il bilancio del 2011 prevede una maggiore spesa per l’indennità del Sindaco e degli assessori di ben circa 20.000 €.

Complimenti!

A Follo il centrodestra si raddoppia gli stipendi

6 aprile 2010, by  
Archiviato in Dalla Provincia, Primo piano

Il sindaco di Follo, Giorgio Cozzani, viene criticato sul bilancio riguardo ai rilievi mossi dalla Corte dei Conti concernente il capitolo dell’aumento della previsione delle multe, e riesce addirittura a contraddirsi scoprendo la verità, tanto amara per il centrodestra follese, che il bilancio 2009 ha riportato il nostro comune nel patto di stabilità dopo due anni (2007-2008) e permettendo la chiusura in positivo, grazie all’Amministrazione di centrosinistra, per stessa ammissione dello Sindaco Cozzani.

L’opera di risanamento era quindi già tracciata ed il comune follese non avrebbe avuto più penalizzazioni per ottenere trasferimenti erariali, contrarre mutui ecc., grazie, tra l’altro, al fatto che la giunta precedente, tra cui il nostro esponente, Claudio Manfroni (chiamato in causa dallo stesso Cozzani), applicando una riduzione dell’indennità di funzione con un abbassamento dei costi della politica, con un’operazione contabile che eticamente il comune follese non aveva mai visto prima.

Tuttavia tale esperienza ha avuto breve durata: qualcuno penserà che i soliti maligni comunisti ne sanno una più del diavolo, ma tant’è che l’amministrazione di centrodestra campeggiata da Giorgio Cozzani ha ripristinato i tagli precedentemente fatti dal centrosinistra e ha più che raddoppiato l’indennità dei componenti di giunta.

E’ chiaro che il significato politico è assai grave: in un momento economico in cui i restringimenti di cinghia sono al limite della sopravvivenza, il centrodestra follese si aumenta gli indennizzi. Fatto salvo che la politica dovrebbe essere fatta per passione e non per mero interesse economico, visto che in giunta non ci risulta che siedano precari, disoccupati o cassintegrati è una vergogna! Il circolo follese di Rifondazione comunista piacerebbe piuttosto che gli eventuali aumenti attuati siano destinati in fondi sociali di assistenza e di sviluppo delle attività più colpite dalla crisi economica nel nostro territorio, contestualmente alla pubblicazione degli stessi, come già è stato fatto per i dirigenti comunali. Sarebbe un bel segnale: la legge Brunetta applicata non solo ai lavoratori ma anche agli amministratori.

Direttivo Circolo PRC Follo