Terremoto Emilia: anche a Ortonovo Rifondazione Comunista raccoglie materiale di largo consumo per i terremotati di Cavezzo

7 giugno 2012, by  
Archiviato in Dall'Italia, Partito, Primo piano

 

Continua la fase di mobilitazione per prestare soccorso alle popolazioni colpite dal terremoto in Emilia da parte di Rifondazione Comunista e Fasce Rosse. Dopo il circolo “Tina Modotti” della Spezia anche la sezione ortonovese di Rifondazione Comunista raccoglierà materiale per i terremotati di Cavezzo di Modena nei giorni di MERCOLEDI’, GIOVEDI’ e VENERDI dalle 17 alle 19 presso il circolo Prc di Serravalle di Ortonovo.

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare alla raccolta del materiale che sarà consegnato personalmente dai compagni di Rifondazione nelle mani della popolazione di Cavezzo.

Per info: 347 7702869

 

Rifondazione Comunista Ortonovo

                             

COSA SERVE:


-Torce elettriche e pile

-Creme solari

-Autan

-Antizanzare

-Citronella

-Creme per punture di insetti

-Tende

-Sacchia a pelo

-Brandine pieghevoli

-Materassi

-Materassini gonfiabili

-Lenzuola

-Cuscini

-Coperte

-Gel igienizzante mani

-Medicinali generici e medicazioni

-Deodoranti e salviette

-Alcol

-Intimo uomo e donna

-Vestiti leggeri per bambini

-Kway

-Scarpe

-Ciabatte doccia

-Schiuma e lamette da barba

-Scope e palette

-Sacchi per rifiuti

-Guanti

-Detersivo per lavatrice

-Stendini e mollette

-Assorbenti

-Pannolini e pannoloni

-Asciugamani

-Carta igienica

-Sapone

-Spugne

Terremoto Emilia: da Cavezzo solidarietà attiva di Rifondazione e Fasce Rosse spezzine

31 maggio 2012, by  
Archiviato in Dall'Italia, Partito, Primo piano


Rifondazione Comunista e le Fasce Rosse spezzine sono da questa mattina a Cavezzo (MO) in soccorso alla popolazione emiliana colpita dal tragico sisma di martedì. Il compito è allestire una mensa popolare dove saranno serviti 250 pasti al giorno per le persone sfollate che dormono nelle tende e che non hanno nessuna intenzione di abbandonare le zone delle proprie abitazioni e dei propri luoghi di lavoro.

Negli occhi della gente c’è un clima di grande paura e sgomento per le possibili nuove scosse. Il paese è deserto, i negozi e le attività sono chiusi. L’aiuto concreto alla popolazione è anche soprattutto un soccorso morale a persone distrutte fisicamente e psicologicamente.

Tutti i volontari che sono interessati a contribuire nell’intervento delle zone terremotate in coordinamento con il Prc sono pregati di comunicarlo Massimo Carosi, Jacopo Ricciardi  ed Elena Francani (coordinatrice interventi Emilia Romagna) ai seguenti contatti: macarosi@libero.it331.6779472,pazzoperlospezia@gmail.com349.0060217,  e.francani@libero.it.

Inoltre ricordiamo che è attiva da giorni una cassa di resistenza a favore delle famiglie colpite dal terremoto. I versamenti potranno essere effettuati sul seguente conto corrente: Partito della Rifondazione comunista – Comitato regionale Emilia Romagna, Via Menganti 8 – 40133 Bologna IT 06 L 02008 12932 000003118146 causale: cassa resistenza terremoto.

Rifondazione Comunista/Fds La Spezia

Fasce Rosse La Spezia

Le “fasce rosse” allestiscono i ricoveri per gli sfollati al Palazzetto dello Sport

3 novembre 2011, by  
Archiviato in Primo piano, Società

 

 

Non conosce sosta l’impegno delle “fasce rosse, i ragazzi e le ragazze che hanno risposto all’appello di Rifondazione e delle Brigate di Solidarietà Attiva e che da giorni si stanno prodigando per portare aiuto alla popolazione colpita dall’alluvione.

Oggi, essendo sospesi gli interventi nelle zone alluvionate a causa del nuovo allarme meteo, le fasce rosse – così chiamate per via del colore della stoffa che portano annodata al braccio – hanno lavorato fin dal mattino al Palazzetto dello Sport della Spezia nel quale troveranno accoglienza le persone evacuate in seguito al nuovo allarme.

Due tir pieni di materiali sono stati scaricati dai volontari di Rifondazione e della Brigate di Solidarietà Attiva che hanno anche montato e sistemato nel Palazzetto dello Sport centocinquanta brandine.

Le fasce rosse hanno poi allestito una vera e propria cucina per i volontari che, qualora si rendesse necessario, potrà fornire pasti caldi anche agli sfollati, affiancando l’attività di ristorazione predisposta dalla Protezione Civile.

Anche domani e nei prossimi giorni il nostro impegno prioritario sarà quello di contribuire ad alleviare i disagi per la popolazione colpita dall’alluvione, mettendo in pratica una solidarietà attiva che é, lo ripetiamo, alternativa e contrapposta ai discorsi di circostanza e ai riti della “casta”.

Rifondazione Comunista La Spezia