Esenzione ticket: Edmondo Bucchioni (Prc La Spezia) presenta una mozione urgente

7 aprile 2016, by  
Archiviato in Dalla Provincia, Partito, Primo piano

 

La direttiva introdotta dalla Regione Liguria riguardante l’esenzione dei ticket ha gettato migliaia di persone nella bolgia infernale del Cup che è stato letteralmente preso d’assalto.

Infatti la notifica ai medici di famiglia è arrivata il 31 marzo, rispetto all’approvazione del 18 marzo.

Perché si è deciso di intraprendere un simile iter considerando la mole di persone che hanno diritto all’esenzione, in particolare tanti utenti anziani che devono essere tutelati per far prevalere quello che è un diritto.

Se si vuole nuova documentazione, si doveva scaglionare e garantire l’esenzione per un congruo lasso di tempo, in modo che gli aventi diritto potessero gestire questi requisiti burocratici magari con l’aiuto dei sindacati e dei loro patronati.

Visto il protrarsi di simili difficoltà e disagi

Il consiglio comunale impegna il sindaco e l’assessore competente affinché si adoperino con l’Asl 5 e la Regione Liguria perché venga introdotto un iter procedurale che permetta ai pazienti esenti dal ticket di affrontare simili disagi con un tempo adeguato e andando per scaglioni, in modo da evitare in futuro code ed intralci e chiede di coinvolgere i patronati per dare assistenza alle persone che manifestano problematiche inerenti la presentazione della consona documentazione.

Si chiede inoltre che tale mozione, se approvata, venga inoltrata al presidente della Regione Liguria, all’assessore in Regione alla sanità, ai gruppi regionali, ed a tutti i comuni della provincia.

 

Edmondo Bucchioni,

capogruppo Prc Comune La Spezia

Test antidroga ai consiglieri, pura demagogia

8 giugno 2010, by  
Archiviato in Dalla Provincia, Primo piano

Circa l’ordine del giorno sul test antidroga, votato da tutti i consiglieri arcolani tranne dal consigliere Salvatore Romeo, tengo a precisare quanto segue:

  1. non c’era bisogno di nessun ordine del giorno a riguardo, chiunque può accedere ai servizi dell’ASL e sottoporsi a qualsiasi esame.
  2. Il sottoscritto non ha bisogno di alcun test antidroga per dimostrare la propria estraneità ad ogni sostanza stupefacente: i cittadini arcolani mi conoscono a sufficienza.
  3. Trovo assurdo che ogni cittadino per sottoporsi ad esami ben più seri debba pagare il ticket di tasca propria mentre i consiglieri arcolani questo test lo addebitano alle casse comunali (vale a dire ai cittadini).
  4. Considerato che un test attendibile (l’esame del capello) prevede un ticket di 150 € e i consiglieri che hanno votato l’OdG e che si sottoporranno all’esame sono 14 (Sindaco in testa) occorrerà ogni sei mesi sostenere una spesa di 2.100 €.
  5. Se poi si vuole evitare che consiglieri prendano importanti decisioni sotto l’effetto di droghe, magari è anche opportuno sottoporre ogni consigliere e assessore all’utilizzo dell’etilometro per misurare il grado alcolico prima di ogni Consiglio comunale.

Per finire: appoggio totale ogni iniziativa tesa a far conoscere alle nuove generazioni le gravi conseguenze circa l’utilizzo di ogni sostanza stupefacente, alcool ecc.

Altra grave scelta fatta dall’attuale maggioranza, l’eliminazione dei Comitati di zona: evidentemente non si tollerano voci che possono dissentire con le scelte del Sindaco e di questa giunta.  Una chicca: questa pratica è stata votata anche dai consiglieri comunali che nella scorsa legislatura erano componenti dei comitati di zona: valla a capire Tu, la coerenza!!!

Il capogruppo
Salvatore Romeo